L’impatto dell’olio di CBD sullo stress canino

> Acquista i prodotti per il tuo cane <

Diversi elementi possono portare a un cane a manifestare ansia o stress. E ogni proprietario ha il desiderio di supportare il proprio fedele amico a quattro zampe. È sicuramente fondamentale cercare il parere di un veterinario per strategie efficaci nel ridurre l’ansia e i comportamenti stressanti che, talvolta, possono verificarsi in forma di episodi improvvisi, e in quei momenti è cruciale saper calmare rapidamente il tuo animale.

Indicazioni di stress in un cane

Un cane che manifesta stress improvviso può denotare un comportamento insolito: se in stato di ansia o stress potrebbe tremare, correre o nascondersi. Tende, infatti, a fuggire da determinate situazioni o da oggetti non viventi. Se per il tuo, ad esempio, il taglio delle unghie o il bagnetto risultano stressanti, potrebbe fuggire vedendoti avvicinare con un tagliaunghie o preparare il bagno. Nemmeno l’uso di dolcetti o parole rassicuranti potrebbe convincerlo, poiché è consapevole di ciò che sta per accadere.

Altre manifestazioni di stress includono respiro affannoso e movimenti continui. Se un amico peloso tiene la coda tra le gambe, con le orecchie all’indietro e appiattite sulla testa, è probabile che sia in uno stato di ansia o stress. Potrebbe evitare il contatto visivo e guardare altrove.

I cani nervosi possono abbaiare o emettere altri suoni. In casi estremi, l’ansia può portarli a comportamenti autodistruttivi, come mordere o leccarsi fino a causare infezioni cutanee.

Cosa provoca lo stress nei cani?

I cani possono stressarsi per diversi motivi. Possono reagire negativamente a rumori forti, come un tuono, il frastuono del camion della spazzatura o i botti di capodanno, di cui si parla tanto a ogni dicembre. La presenza di altre persone o animali può indurre ad abbaiare, a fuggire o addirittura a cercare un nascondiglio.

Anche oggetti nuovi o inanimati possono scatenare stress e ansia. Alcuni cani sono particolarmente legati ai loro proprietari o ai membri della famiglia, mostrando segni di stress quando questi si assentano.

Una corretta socializzazione aiuta i cani a sentirsi più sicuri e ad adattarsi più velocemente a nuovi ambienti, persone e animali. La socializzazione precoce è particolarmente vantaggiosa e, se manca, i pelosi possono essere più facilmente soggetti a paura o stress indiscriminatamente.

La genetica, esperienze traumatiche passate e l’esposizione a stimoli stressanti possono influenzare l’ansia nei cani. Cambiamenti improvvisi nella routine o nell’ambiente possono essere problematici.

Negli anziani, l’insorgere di disfunzioni cognitive può causare ansia e inquietudine. Altre condizioni che possono indurre stress includono malattie cardiache, dolore artritico e problemi oculari.

Gestire lo stress nel cane

I cani che soffrono di stress e ansia generalmente necessitano di un cambiamento comportamentale e addestramento per mitigare i loro sintomi. Questo può includere tecniche di condizionamento classico e desensibilizzazione. In casi di ansia grave, il veterinario può prescrivere farmaci anti-ansia. Farmaci come la fluoxetina e la clomipramina sono stati approvati dalla FDA per l’uso nei cani ansiosi. Sono inoltre disponibili integratori calmanti, diete specifiche e snack per mantenere i cani tranquilli e liberi da stress.

Il ruolo dell’olio di CBD nel trattamento dello stress canino

Il cannabidiolo, noto come CBD, è un componente estratto dalla pianta di Cannabis, classificato come cannabinoide. A differenza del THC, un altro componente della Cannabis noto per le sue proprietà psicoattive, il CBD non produce effetti simili. Il THC è nocivo per i cani, mentre il CBD si è dimostrato relativamente sicuro fino a ora.

I cannabinoidi, tra cui il CBD, influenzano il sistema endocannabinoide, che fa parte del sistema nervoso sia nei cani che negli esseri umani. Ricerche condotte sull’uomo hanno evidenziato l’efficacia del CBD nel ridurre l’ansia, inclusa quella legata al parlare in pubblico e ai disturbi sociali.

Nonostante manchino ancora studi scientifici specifici sull’effetto dell’olio di CBD sui cani ansiosi, esistono numerose testimonianze che suggeriscono la sua utilità nel promuovere il rilassamento e nel ridurre l’ansia.

La ricerca sull’uso del CBD in ambito veterinario è ancora in corso, con particolare attenzione alla sua sicurezza e all’efficacia nel trattamento di cani con episodi convulsivi. La maggior parte dei prodotti a base di CBD non contiene THC dannoso, ma potrebbe innalzare i livelli di un enzima chiamato fosfatasi alcalina o ALKP. L’impatto clinico di questo aumento negli enzimi non è ancora chiaro.

Affrontare lo stress e l’ansia nei cani può essere una sfida emotivamente difficile, e vedere il proprio animale domestico soffrire può essere doloroso. È importante riconoscere che le cause possono essere molteplici e che potrebbe essere necessario tempo e impegno per aiutare il proprio cane a raggiungere uno stato di benessere. L’olio di CBD potrebbe offrire un supporto in questo processo, ma è essenziale discuterne con il proprio veterinario, data la complessità e le incertezze legate al suo utilizzo nei cani.

 

 

Fonti

  1. Bergamaschi, M. M., et al. “Cannabidiol reduces the anxiety induced by simulated public speaking in treatment-naïve social phobia patients.” From theNCBI website, last accessed 15 March 2021, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3079847/
  2. McGrath, S., et al. “A Report of Adverse Effects Associated with the Administration of Cannabidiol in Healthy Dogs.” From theAHVMA website. Last accessed on 19 May 2020, https://www.ahvma.org/wp-content/uploads/AHVMA-2018-V52-CannabisAdverseEffects.pdf

> Acquista i prodotti per il tuo cane <

14 Gennaio 2024 23:19

78 visite totali, 0 oggi